Chi le sàpete u tempe ch’e passète…

‘A Ravatène

Cchi ci arrivè a la Ravatène
si nghiànete ‘a pitrizze
ca pàrete na schèhe appuntillète
a na timpa sciullète
Quann’u tempe è sincere,
nturne nturne ‘a terra d’i jaramme
ci ‘ampìjete a lu sòue com’u specchie,
e quanne si fè notte c’è nu frusce
di vente ca s’ammùccete nd’i fosse
e rivìgghiete u cùcche e ci fè nasce
nu mère d’èrve.
Pòure cristiène!
Ci durmìne cch’i ciucce e cch’i purcèlle
nda chille chèse nivre com’i fòrchie;
e pure mò lle chiàmene “biduìne”
cc’amore ca sù’ triste e fèn ‘a sgrògnue
a piscunète e a lème di curtèlle.
C’è aria fine, alledàvete,
quanne vènete ‘a stète;
e nun mpòrte si pò’ ci fèn’ ‘a fère
e chiàmene u taùte i cuccu-uèlle:
ll’avéres’ ‘a viré chille ca fène
i Ravitanèse quanne c’è na zite;
vi ndippèrese i ricchie cchi nun sènte
catarre manduline e colp-scure,
scamizze di uagnune d ‘urganette
e battarie e tròne di tammure.
Ma iè le vògghie bbène ‘a Ravatène
cc’amore ca c’è morta mamma mèje:
le purtàrene ianca supr’ ‘a sègge
cchi mmi nd’i fasce com’a na Maronne
cc’u Bambinèlle mbrazze.
Chi le sàpete u tempe ch’e passète…
e nun tòrnete ancore a lu pahàzze.

Per arrivarci alla Rabatana
si sale la pitrizze (strada irta di pietre)
che sembra una scala addossata
a un timpa (parete argillosa) in rovina.
Quando il tempo è limpido,
intorno intorno la terra dei burroni
ci lampeggia al sole come lo specchio,
e quando si fa notte c’è un fruscio
di vento che si nasconde nei fossi
e sveglia il cuculo e ci fa nascere
un mare d’erba.
Poveri cristiani!
Ci dormivano con gli asini e coi maialetti
in quelle case nere come le tane;
e anche ora li chiamano “beduini”
perché sono violenti e fanno a pugni
a sassate e a lame di coltello.
C’è aria fina lassù
quando viene l’estate;
e non importa se poi ci fanno la fiera
e chiamano la bara le civette:
dovresti vederlo quello che fanno
i Rabatanesi quando c’è una sposa;
vi otturereste le orecchie per non sentire
chitarre mandolini e mortaretti
schiamazzo di ragazzi e di organetti
e batterie e tuoni di tamburo.
Ma io voglio bene alla Rabatana
perché c’è morta la mamma mia:
la portarono bianca sopra la sedia
con me nelle fasce come una Madonna
col Bambinello in braccio.
Chi lo sa il tempo che è passato…
e non torna ancora al palazzo.

Albino Pierro

Annunci